Il Burlo in Consiglio Comunale

Il Consiglio del Comunale di lunedì scorso è stato dedicato ad approfondire, assieme all’Assessore Regionale Telesca, situazione e ipotesi di sviluppo del Burlo Garofolo alla luce della riforma sanitaria regionale. Sul tema, e in particolare sui laboratori, già ci eravamo riuniti come Prima Commissione qualche settimana fa.
L’Assessore Telesca ha cominciato rimarcando come, nonostante ci fosse chi voleva incorporare i 2 IRCCS regionali (Burlo e CRO di Aviano) nelle 5 Aziende, si è deciso di mantenerli separati e di fare conseguentemente delle scelte per il loro potenziamento: in questa direzione vanno la nomina della nuova Direzione, la scelta di portare le funzioni del Burlo su tutto il territorio regionale e quella di puntare sul ruolo del Burlo che non è quello di ospedale di rete, ma di istituto di ricerca. Ha proseguito sottolineando come nelle Linee di gestione 2016 il Burlo è riferimento regionale per il settore materno infantile, e ha sgomberato i dubbi di chi temeva che la radiologia pediatrica sarebbe stata smantellata, cosa che non avverrà per questo come per tutte le altre strutture che sono collegate alle specialità del Burlo. Rispetto agli altri dubbi sollevati, ha evidenziato che l’individuazione del Direttore Scientifico è compito del Ministero e verrà fatta in questi giorni ed ha assicurato che con il trasferimento del nuovo ospedale a Cattinara migliorerà la situazione organizzativa. A questo proposito, ha assicurato il massimo coinvolgimento della cittadinanza sulla progettualità del nuovo Burlo, che avverrà però dopo il risultato del contenzioso sugli esiti della gara d’appalto per i lavori. A tale proposito è intervenuto anche il Commissario dell’AAS Delli Quadri che ha precisato che il cantiere sarà operativo dopo la pronuncia del TAR, attesa in questi giorni, e cioè indicativamente entro la fine dell’anno, e avrà una durata di circa cinque anni.
Il Direttore Generale del Burlo Scannapieco ha spiegato come sia cambiato il contesto in cui opera l’istituto e come, quindi, sia necessario un progetto che lo governi: questo progetto consiste nel rafforzare i legami con l’Università, con l’Azienda triestina e con la rete degli ospedali pediatrici italiani. La ricerca, assieme all’assistenza e alla didattica, è il mandato istituzionale dell’IRCCS, che in virtù di questo va in direzione di un rafforzamento della sua dimensione regionale ed extraregionale. Scannapieco ha sottolineato anche il lavoro in stretta sintonia con il CRO di Aviano e l’invio di professionisti sul territorio in modo da garantire un elevato standard qualitativo su tutta la regione: proprio per coprire i costi di queste “trasferte” l’Assessore Telesca ha assicurato un ulteriore stanziamento, in quanto i soli costi standard potrebbero non essere sufficienti. Sempre per il Burlo, il dott. Ventura ha sottolineato come quest’anno il Burlo abbia vinto 4 progetti specializzati, dimostrando attrattività per i ricercatori, 3 dei quali sono giovani.
Il dott. Brovedani (CGIL Medici) ha ricordato come pezzi di servizi amministrativi e sanitari siano già stati trasferiti a Cattinara e come ci sia da una parte preoccupazione che il Burlo mantenga la propria identità e un’adeguata capacità di trattamento delle urgenze, ma al tempo stesso ci sia fiducia nella nuova Direzione Generale.
L’impegno a monitorare la situazione, per quanto riguarda noi Consiglieri, rimane forte, ma le spiegazioni fornite da Telesca e Scannapieco, in particolare, sono stati rassicuranti ed esplicative di come si stia andando in direzione della riaffermazione della centralità del Burlo nel progetto regionale e non, in particolare ponendo un forte accento sul suo ruolo di istituto di ricerca.
Annunci

Informazioni su giovannibarbo

Consigliere Comunale nel Partito Democratico Vedi tutti gli articoli di giovannibarbo

One response to “Il Burlo in Consiglio Comunale

  • Claudio Boniciolli

    Lo scandalo del pronto soccorso a Cattinara continua. Il responsabile da molti, troppi ,anni è sempre lo stesso, perché gode di protezione partitica. Ormai molti pazienti rifiutano di recarsi al pronto, si fa per dire, soccorso di Cattinara perché sanno delle interminabili attese. CB

    Inviato da iPad

    >

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: