Spesa sociale, sostegno al reddito e richiedenti asilo

Nelle ultime settimane si è parlato in diverse occasione di spesa sociale e assistenza economica, e si è tornato a parlare dell’accoglienza delle persone richiedenti asilo.

Nel corso di una conferenza stampa, l’assessore Famulari e il sindaco Cosolini hanno approfondito i dati che attestano una spesa sociale pro capite doppia rispetto alla media italiana: a Trieste è di 478,45 Euro laddove la media nazionale è di Euro 218. Nonostante la difficile congiuntura economica, il Comune di Trieste dal 2011 al 2015 ha aumentato la spesa per il sociale in media del 12,5%, con una media di 50 milioni annui circa a favore dei nostri concittadini. La conferenza stampa è stata anche occasione per smentire le voci strumentali secondo le quali i fondi destinati ai migranti verrebbero “sottratti” ai triestini.

E nel corso di una seduta della Commissione Trasparenza richiesta dal consigliere Giorgi, siamo tornati ad occuparci della convenzione con cui gli enti gestori Caritas e ICS affrontano l’accoglienza dei richiedenti asilo. La convenzione è stata stipulata con la Prefettura l’ultima volta nel 2013, e ICS e Caritas operano nel campo dal 2002 ed hanno partecipato a 7 verifiche del Ministero rispetto alla gestione dei fondi. I rappresentanti dei due enti gestori hanno parlato dei metodi di selezione del personale (esperienza o studi nel campo) oltre che dei servizi erogati e della relativa rendicontazione. Sul tema, nel corso di una precedente seduta del Consiglio Comunale era stata fatta propria dalla giunta una mozione che chiedeva la chiusura del Silos: l’assessore ha spiegato come il trasferimento dal Silos in altre strutture e in altre città si sia negli ultimi giorni intensificato, tuttavia ha sottolineato come trattandosi di proprietà privata non è possibile chiuderlo, se non da parte del proprietario; ICS e Caritas hanno spiegato come alle persone che lì stazionano venga fornita un’assistenza di base, con l’obiettivo comune che la struttura venga svuotata e quante più persone vengano inserite nel sistema SPRAR o comunque in strutture adeguate, in maniera che non venga gestita come emergenza una situazione che non può più essere considerata tale.

Nel corso di un’iniziativa pubblica, invece, sono stati illustrati i primi dati riguardanti la misura attiva di sostegno al reddito varata dalla Regione. Una misura che riprende il discorso iniziato dalla giunta Illy e poi interrotto dall’esperienza del governo Tondo: rispetto al 2008, la situazione economica e occupazionale è decisamente più complicata, e nel corso dell’iniziativa sono arrivate anche alcune proposte per agganciare ancor di più la misura di sostegno al reinserimento nel mercato del lavoro. Tornando ai dati, per quanto riguarda il Comune di Trieste, in una quarantina di giorni sono state oltre duemila le richieste, con l’apertura di 5 sportelli ogni giorno della settimana, sabato incluso. Un quadro preciso degli utenti si potrà avere a marzo, al momento si rileva che il 47% è totalmente privo di occupazione, il 39% ha un impiego saltuario, il resto è rappresentato da pensionati, invalidi e studenti. Elevatissima, purtroppo, la percentuali di richiedenti con ISEE al di sotto dei 1.000 Euro. La misura, che prevede contributi che vanno dai 70 € ai 550 € al mese (a seconda della situazione del richiedente) è un altro importante strumento per fronteggiare la difficile situazione di questi anni.

TriesteSpesaSociale

Annunci

Informazioni su giovannibarbo

Consigliere Comunale nel Partito Democratico Vedi tutti gli articoli di giovannibarbo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: