Il programma culturale del Comune per il 2015

Prima di riassumere, nei prossimi giorni, il contenuto delle prime Commissioni dell’anno, una sintesi di quanto illustrato venerdì scorso dall’Assessore Tassinari nella Commissione Quinta per quanto riguarda la programmazione culturale del Comune per il 2015.

Per quanto riguarda le esposizioni temporanee, fra le altre, al Salone degli Incanti arriverà a febbraio una mostra su “La grande Trieste”, riguardante il periodo 1891-1914, a maggio e fino ad autunno l’Expo sul caffé (con finestra per ITS a luglio); al Revoltella a primavera ci sarà la mostra su Guarino – sulla quale assieme ad alcuni consiglieri avevo presentato una mozione – mentre ad autunno dovrebbe essere la volta del designer Sambonet e del suo lavoro sugli ospedali psichiatrici in Brasile, poi è in fase di studio una mostra su Camillo Iona. Diverse le attività previste per il Museo Sartorio, mentre al Museo de Henriquez sono in programma tre appuntamenti in collaborazione con Il Rossetti, ovvero la ripresa dei dialoghi sul racconto di Sarajevo (la prima parte era stata proposta con successo la scorsa estate), uno spettacolo incentrato sulla danza e un terzo in via di definizione.

Il 2015 dovrebbe anche essere l’anno degli Archivi del Lloyd Triestino, rispetto al quale l’intenzione è quella di non limitarsi ad una mostra temporanea, ma dare visibilità permanente alla collezione in una sede adeguata. Ancora, proseguirà seppur con qualche modifica la struttura ormai consolidata di Trieste Estate, che quest’anno però dovrebbe avere un direttore artistico a tirare le fila ed annoverare anche, negli auspici di Tassinari, almeno un evento musicale in Porto Vecchio.

L’Assessore ha, poi, illustrato alcune idee-cardine che intende portare avanti: il rifacimento del sito web di Trieste Cultura, con un lavoro importante sull’editing e sulla traduzione almeno in lingua inglese, e poi tre punti collegati al progetto PISUS, ovvero la certificazione di qualità dei musei, l‘integrazione fra i musei stessi e lo sviluppo degli itinerari tematici in città.

E’ stata poi data la notizia che Kounellis sta lavorando ad un’opera stabile da collocare nel cortile del Museo de Henriquez e che l’Amministrazione Comunale sta valutando l’ipotesi di trasferire la Biblioteca Civica nell’ex Pescheria con un progetto di rilevanza architettonica. Tra gli altri progetti in piedi, quello in fase di completamento del Museo della Civiltà Istriana e un’ipotesi di riallestimento del Museo della Risiera.

Molta carne al fuoco, insomma, per una città che ha tante ricchezze ma anche tanto margine di crescita in campo culturale, con ricadute anche consistenti dal punto di vista turistico ed economico.

VeritaRivoluzionaria

Annunci

Informazioni su giovannibarbo

Consigliere Comunale nel Partito Democratico Vedi tutti gli articoli di giovannibarbo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: